Ieri ho visto un ragazzo correre di traverso in mezzo alla strada, inseguito da una commessa del supermercato vicino casa mia. La probabilità che si trattasse di un caso di “shoplifting” era altissima, come la spocchia con la quale il fuggitivo, presa distanza dall’inseguitrice (che non era proprio in forma), guardava il team del supermercato, da mezzo isolato di sicurezza. Ho anche pensato che forse quello scatto di non più di 50 metri fosse dovuto essere piuttosto difficile per il ragazzo e quindi, forse forse, si era solo fermato perché altrimenti avrebbe vomitato fuori i polmoni. …


Non sopporto l’idea di scrivere come qualcuno ha già fatto prima di me. L’idea di fare una foto che qualcun altro ha già fatto.

Ho pensato poco fa che vorrei essere un serpente e lasciare via la mia vecchia pelle, per una nuova. Ma quanti già avranno detto questo? Il pubblico è felice di leggere cose che sa già, per questo sulle enciclopedie da bambini si andava a cercare voci conosciute, e ora su Wikipedia facciamo pressoché la stessa cosa.

Mi fa strano usare un nome come Wikipedia, come mi fa star male l’idea che i personaggi dei miei racconti…


It had to be Cortez, I should have written it more clearly in my notes. Anyway, let’s say it was definitely Cortez, near the southern border of Colorado. I was in a motel, and I arrived late, as usual. Late check in at night and leaving early in the morning, as the best no land man, mad, ’40s or 2015. The key for my room is in a letterbox glued on the front door. This motel is clearly family-run and objectively there was no reason to stay up and awake, doing nothing waiting for the last guest to check in…


Don’t worry — it’s gonna be fun.

It’s very hot today in Southern California.

The waiter arrives. Really, it’s blazing hot in Southern California today. Tony the American smiles exaggeratedly at the half-cheerful-half-slave little man, taking his glass of pina colada tequila boom boom straight from the tray.

“Thank you very much, Jeremy!”

But Jeremy is not the waiter’s name.

The weather is superb, the ocean waves have gone on vacation too, the sea is smooth as olive oil. Tony is the American in this story, and he is enjoying that sparkling cocktail, spread out on his deckchair, in fiery red Bermuda shorts, all paid by True…


When it comes to chances in life, it is everyone’s habit to blame all sort of missing parts or prerequisites to justify one’s own failures. The most typical ones are money (lack of cash to invest in a project that in the end never happened or even started) and — to call it nicely — lack of a network (you needed to know some specific people you don’t know, in order to get your ideas turned into plans and reality). …


I’m here at my desk. At my table, at my everything. I spent my life here. Candles are burning. Music is flowing nicely, and it gives the right amount of inspiration to the air, in this room tonight.

Burning candles… spreading the scent. So good, so classy. I am classy, way more than all of you out there.

At the window, yet another crow. Damn crows. Mocking my way of being a poet, an artist. The best novelist, after any midnight in the world.

I feel my legs hot, but I am aware I should use a more appropriate word…


Sono qui alla mia scrivania. Al mio tavolo, al mio tutto. Ho passato la mia vita qui. Le candele stanno bruciando. La musica scorre piacevolmente e dà la giusta dose d’ispirazione all’aria in questa stanza stasera.

Candele accese … il profumo si diffonde. Che classe, che eleganza. Io sono uno di classe, molto più di tutti voi, cosa credete.

Alla finestra, ancora un altro corvo. Maledetti corvi. Prendono in giro il mio essere poeta, il mio essere artista. Il miglior romanziere, allo scoccare della mezzanotte nel mondo. Ma loro si prendono gioco di me.

Sento le gambe calde, ma sono…


Apro la lattina di aranciata, ho preso l’aranciata perché so che anche se calda è bevibile. La caffetteria qui ha pochi clienti, ognuno immerso nei propri pensieri e nella propria calura. So bene di essere a Londra ma, ad agosto, se mi lascio scendere qualche goccia di sudore ai lati della fronte, mi potrebbe sembrare di essere a Milano, o a New Orleans, le due estati più torride che abbia mai affrontato. Certo, a New Orleans l’aranciata era decisamente gelata, al contrario di questa frase tiepida tiepida. La musica qui mi catapulta lontano. È jazz, vagamente cubano, sudamericano o qualcosa…


Probabilmente molti di voi in ascolto sono nati tra il 1977 e il 1983. Ci definiscono xennials e pare siamo una classe speciale, privilegiata e unica, siamo quelli che hanno visto il cambiamento da analogico e digitale, proprio mentre noi crescevamo, e forse siamo i soli a poterli capire davvero entrambi. Ma non è di questo che voglio parlarvi ora. Le persone nate, come me, in quell’intervallo di anni hanno potuto vivere, e soprattutto crescere, durante la decade più incompresa e meno nominata dal dopoguerra in poi: gli Anni Novanta.

Certo, non c’è paragone con i Sessanta, o gli anni…


ricordo ancora quella mattinata assonnata. Non ricordo assolutamente nulla delle ultime ore della festa, o come sono tornato a casa.

Il cuore è per tutti, fino alla fine del mondo. Senza un perché, senza tristezza, senza rassicurazioni di sorta. L’orizzonte, un cammino di sabbia, sterminata, i piedi che affondano e riemergono a ogni passo.

Qualcuno dovrebbe riesumare il cadavere di Hendrix, riempirlo di sangue, dargli una bella scarica elettrica, muscoli e nervi e tirarlo su, gonfio di gloria, lo aspettiamo da tempo, tornare su di un carro alato. Perché sogno, il sonno, l’acqua che scorre mentre ti penso un secondo…

Ivan Perilli

25% author, 25% composer, 20% musician, 10% IT manager, 20% imagination.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store